252369

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Reato per la madre che non fa vedere il figlio al padre

Studio Cataldiimage

Il comportamento ostruzionistico rispetto al diritto di visita dell'ex coniuge giustifica una condanna per mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice

di Valeria Zeppilli Ostacolare le visite tra l'ex coniuge e il figlio un comportamento idoneo a far scattare una condanna penale in capo al genitore che lo pone in essere.

Con la sentenza numero 38608/2018 qui sotto allegata, la Corte di cassazione ha infatti confermato l'ennesima condanna in capo a una donna che aveva ripetutamente tenuto un atteggiamento oppositivo rispetto al mantenimento dei rapporti padre/figlio, cos come stabilito dal giudice civile.

Il reato

Il reato contestato, in particolare, era quello di cui all'articolo 388 del codice penale, ovverosia la mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice.

Tale reato, come ricordato dalla Corte, si concretizza infatti "in qualunque comportamento, anche omissivo, da cui derivi la frustrazione delle legittime pretese altrui".

Nel caso di specie, esso risultava addirittura aggravato "dalla reiterazione e protrazione nel tempo delle oppositive condotte tenute dall'imputata, anche rispetto alle indicazioni rivenienti dai mediatori preposti ad assicurare il diritto di incontro del genitore con il figlio minore".

La condanna

Stante l'inammissibilit del ricorso proposto dalla madre, resta quindi ferma la sua condanna, derivata dal comportamento ostruzionistico, alla pena di 450 euro di multa, con danno civile da liquidarsi in separato giudizio, alla quale si aggiungono ora le spese processuali e legali del grado di legittimit e l'esborso di 2.000 euro in favore della cassa delle ammende.

Fonte: https://www.studiocataldi.it/articoli/31569-reato-per-la-madre-che-non-fa-vedere-il-figlio-al-padre.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna