270141

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Separazione: basta la mail all`amante per provare il tradimento

Studio Cataldiimage

Per la Cassazione lo scambio di e-mail con l'amante prova l'intollerabilit della convivenza

di Valeria Zeppilli Con la recente ordinanza numero 16980/2018 (qui sotto allegata), la Cassazione si confrontata con la questione dell'intollerabilit della convivenza tra gli ex coniugi e, pi precisamente, con gli elementi che permettono di imputarla al marito o alla moglie.

I giudici hanno in particolare ritenuto sufficiente a dimostrare il tradimento e la "colpa" della separazione anche un semplice scambio di e-mail di un coniuge con l'amante.

Nel caso di specie, il marito aveva riferito a un'altra donna che aveva intenzione di allontanarsi dalla moglie per sue ragioni personali e, per la Corte di cassazione, tale circostanza deve reputarsi idonea a dimostrare che l'intollerabilit della convivenza tra i coniugi doveva essere riferita alla relazione extraconiugale del marito.

Nel caso di specie, era invece il marito che aveva chiesto l'addebito alla moglie, ma la sua domanda era stata respinta dai giudici del merito per assenza di prova.

La Cassazione, nel ratificare tale decisione, ha ricordato che sulla parte che richiede l'addebito della separazione grava l'onere di provare la condotta contestata e la sua efficacia causale nella determinazione dell'intollerabilit della convivenza. Chi invece eccepisce l'inefficacia dei fatti posti a fondamento della domanda di addebito deve provare le circostanze su cui si fonda la propria eccezione, ovverosia l'anteriorit della crisi coniugale alla condotta contestata.

Viene quindi confutata la tesi del ricorrente che sosteneva che il coniuge che voglia far addebitare la separazione all'altro sia onerato solo di dimostrare l'infedelt di quest'ultimo.

Fonte: https://www.studiocataldi.it/articoli/30996-separazione-basta-la-mail-all-amante-per-provare-il-tradimento.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna