287730

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Mancato mantenimento figli: reato anche se non c`è stato di bisogno

Studio Cataldiimage

La Cassazione spiega che l'art. 570 bis c.p, introdotto dal dlgs. 21/2018 come gli abrogati artt. 12-sexies L. 898/1970 e 3 L. 54/2006, punisce chi non paga il mantenimento

di Annamaria Villafrate - Il mancato mantenimento al figlio minore punibile anche se lo stesso non versa in stato di bisogno. E il non versare l'assegno reato anche per il nuovo articolo 570-bis c.p. E' quanto ha disposto la Cassazione penale con sentenza n. 27175/2018 (sotto allegata), la quale, dopo l'analisi dettagliata della normativa previgente all'art. 570 bis c.p. introdotto dal dlgs. n. 21/2018, sancisce che la norma applicabile al caso di specie perch di fatto non ha mutato la struttura dell'illecito penale, precisando infine che ai fini della configurazione del reato non rileva che il minore a cui dovuto il mantenimento non si trovi in uno stato di bisogno grazie all'aiuto economico del nonno.

La vicenda processualeCassazione: applicabile il nuovo art 570 bis c.p. L'assegno dovuto anche se la minore non in stato di bisogno

La vicenda processuale

La Corte d'appello di Milano conferma la sentenza del tribunale di primo grado che condanna l'imputato per il reato di cui all'art. 12 sexies l. 1 dicembre 1979 n. 898, perch non ha corrisposto l'assegno mensile di mantenimento in favore della figlia minore e il 50% delle spese mediche straordinarie documentate, come disposto dalla sentenza di scioglimento del matrimonio.

Il difensore dell'imputato propone quindi ricorso in Cassazione contestando, tra l'altro, la violazione dell'art. 570 c.p e rilevando un vizio di motivazione nella sentenza impugnata poich la Corte non ha motivato in merito "all'effettivo stato di bisogno della minore" avendolo desunto dal fatto che ad aiutare la madre nella crescita della bambina sia intervenuto il padre (nonno della minorenne) assicurando nel tempo un contributo economico. La difesa dell'imputato ritiene infatti che "si sarebbe valorizzato solo un presunto stato di bisogno, in realt insussistente, attese le agiate condizioni economiche della madre della minore."

Cassazione: applicabile il nuovo art 570 bis c.p.

La Corte di Cassazione, ritiene che al caso di specie sia applicabile l'art. 570 bis c.p (introdotto dal dlgs n. 21 del 1 marzo 2018) secondo il quale: "Le pene previste dall'articolo 570 (reclusione fino a un anno o con la multa da centotr euro a milletrentadue euro) si applicano al coniuge che si sottrae all'obbligo di corresponsione di ogni tipologia di assegno dovuto in caso di scioglimento, di cessazione degli effetti civili o di nullit del matrimonio ovvero vola gli obblighi di natura economica in materia di separazione dei coniugi e di affidamento condiviso dei figli".

Il problema relativo alla successione delle leggi penali del tempo viene argomentato esaustivamente dalla Cassazione.

L'art 570 bis c.p infatti si limita a riprodurre "le previgenti disposizioni penali contenute all'art. 12-sexies della l. 1 dicembre 1970 n. 898 e all'art. 3 della legge 8 febbraio 2006, n. 54, norme che, conseguentemente, sono state espressamente abrogate dall'art. 7, lett. b) e d) dlgs n. 21 del 2018." Pertanto "Per quanto rileva nel presente processo, la nuova norma, quanto alla violazione dell'obbligo di corresponsione dell'assegno stabilito in sede giudiziale in favore dell'altro coniuge e/o figli a seguito della cessazione degli effetti civili del matrimonio, si pone in chiara continuit normativa, essendo rimasta immutata la struttura del reato".

L'assegno dovuto anche se la minore non in stato di bisogno

Risolte le questioni di applicabilit dell'art. 570 bis c.p. sul vizio di motivazione la Cassazione non rileva difetti di congruit o correttezza logica nella sentenza impugnata perch "I giudici di appello hanno preso in esame tutte le deduzioni difensive e sono pervenuti alla sostanziale conferma della sentenza di primo grado attraverso un esame completo ed approfondito delle risultanze processuali, in nessun modo censurabile sotto il profilo della congruit e della correttezza logica. In particolare si sottolineato come sia stato dimostrato l'inadempimento del ricorrente almeno sino alla data del 07/04/2013 e come lo stato di bisogno della minore fosse indirettamente confermato dalla necessit di intervenire in suo aiuto da parte del nonno materno. Si tratta di argomentazioni che, oltre ad essere del tutto logiche e pienamente alle rispondenze processuali, costituiscono applicazione di consolidati orientamenti della giurisprudenza di legittimit in materia".

Fonte: https://www.studiocataldi.it/articoli/30840-mancato-mantenimento-figli-reato-anche-se-non-c-e-stato-di-bisogno.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna