268362

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Corte Ue: le unioni civili sono solo per i gay

Studio Cataldi

La Cedu ratifica la scelta dell'Austria di negare il partenariato civile a una coppia eterosessuale

di Valeria Zeppilli - Per la CEDU il rifiuto dell'Austria di ammettere al partenariato civile una coppia eterosessuale non viola gli articoli 8 e 14 della Convenzione e pertanto va convalidato.

Infatti, in quello Stato l'unione civile l'unico modo che le coppie omosessuali hanno per veder riconosciuta legalmente la loro relazione, mentre le coppie etero possono scegliere tra nozze e convivenza more uxorio.

Con tale decisione si quindi concluso il caso Ratzenbock e Seydl c. Austria (v. sentenza del 26 ottobre 2017 qui sotto allegata).

La vicenda

La controversia giunta sino alla CEDU riguardava la vicenda di una coppia eterosessuale che, dopo una lunga e stabile convivenza more uxorio, aveva chiesto la stipula di un partenariato civile registrato, preferendola al tradizionale matrimonio. In cambio, per, aveva ottenuto un secco no, convalidato poi dal TAR e dalla Consulta austriaca, con una comune posizione: il partenariato spetta solo ai gay.

Coppie eterosessuali e omosessuali: nessuna discriminazione

Per la Corte, tuttavia, in tale comportamento non pu ravvisarsi una discriminazione, in quanto le coppie eterosessuali si trovano in una situazione che non comparabile con quella delle coppie omosessuali. Alle prime, infatti, in Austria concesso il matrimonio, mentre i gay non hanno diritto di sposarsi e necessitano di un'unione civile per poter dare un riconoscimento legale alla loro relazione.

I ricorrenti, quindi, potevano decidere di sposarsi, al contrario di una coppia omosessuale. Ma non solo: gli stessi nel caso di specie non hanno provato in alcun modo di aver subito delle conseguenze specifiche dalla differenza tra nozze e partenariato, ma hanno posto a sostegno della propria opposizione al matrimonio solo la generica circostanza che l'unione civile un'istituzione pi moderna e meno gravosa.

Le loro doglianze, quindi, non possono essere accolte.

Fonte: https://www.studiocataldi.it/articoli/27977-corte-ue-le-unioni-civili-sono-solo-per-i-gay.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna