287338

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Paga i danni a madre e figlio il padre che ostacola i rapporti tra i due

Studio Cataldi

Ma per il tribunale di Cosenza, se neanche la donna in grado di prendersi cura del piccolo, il minore va affidato a terzi

di Valeria Zeppilli Con la sentenza numero 2044/2017 (qui sotto allegata), il Tribunale di Cosenza ha condannato un padre a risarcire i danni cagionati alla ex compagna e al figlio per aver gravemente pregiudicato la loro relazione affettiva screditando continuamente la figura genitoriale materna dinanzi al piccolo e cogliendo ripetutamente l'occasione per sottolineare le carenze della madre rispetto ai bisogni del figlio.

Genitore condannato per lesione del diritto alla bigenitorialit

Cos facendo, infatti, l'uomo ha leso sia il diritto del minore alla bigenitorialit e a una crescita equilibrata e serena che il diritto della donna a svolgere il proprio ruolo genitoriale e, pertanto, per i giudici deve pagare 5mila euro in favore di ciascuno dei soggetti danneggiati.

Peraltro, il pregiudizio arrecato dal padre al diritto del figlio alla bigenitorialit deve essere considerato tale da attenuare sensibilmente la sua idoneit genitoriale posto che questa deve essere valutata anche considerando la capacit di un genitore di preservare la continuit delle relazioni parentali con l'altro genitore.

Affido esclusivo escluso: il piccolo va con i servizi sociali

Esclusa nel caso di specie la strada dell'affidamento condiviso posta l'incapacit del genitore di gestire adeguatamente il conflitto personale, anche l'affidamento esclusivo al padre non quindi consigliabile: ad esso ostano sia la sua "incapacit di promuovere l'"accesso" dell'altro genitore", sia il rischio che il regime di affidamento esclusivo "non potrebbe che produrre l'effetto di marginalizzare ulteriormente, anche agli occhi del minore, il ruolo della madre".

Nella vicenda alla base della sentenza del Tribunale di Cosenza, purtroppo, non stato ritenuto ipotizzabile neanche un affidamento esclusivo alla madre che, per i tratti caratteriali e temperamentali suoi propri e per l'oggettiva problematicit della dinamica relazionale con il figlio, non stata giudicata pronta ad assumersi le correlate responsabilit.

In assenza di persone affettivamente vicine al minore in grado di farsi carico dell'affidamento in maniera equidistante rispetto alle due figure genitoriali, la soluzione pi idonea, per il giudice, quindi quella dell'affidamento del piccolo ai Servizi Sociali comunali.

Fonte: https://www.studiocataldi.it/articoli/27895-paga-i-danni-a-madre-e-figlio-il-padre-che-ostacola-i-rapporti-tra-i-due.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna