253377

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Separazione: assegno sospeso per la ex malata che può lavorare

Studio Cataldi

Per la Cassazione, la donna non solo non ha diritto all'aumento del mantenimento per la malattia che non incide sulla capacit lavorativa, ma finch pu lavorare l'assegno sospeso

di Marina Crisafi L'ex coniuge non pu chiedere un aumento dell'assegno per intervenuta malattia, se questa precedente alla separazione. Non solo. Se tale patologia non le impedisce di lavorare l'assegno sospeso. Cos ha stabilito la Cassazione, con la recente ordinanza n. 23322/2017 depositata il 5 ottobre (e sotto allegata), rigettando la richiesta di una donna separata per ottenere l'aumento dell'assegno.

La vicenda

La donna aveva rivendicato un aumento dell'assegno mensile in suo favore (e del figlio) da parte dell'ex marito, sulla base di una "sindrome miofasciale", intervenuta, a suo dire, dopo la separazione e presentando a tale scopo una copia della domanda di invalidit civile.

Per i giudici di merito, invece, la donna non ha alcun diritto di chiedere un aumento, giacch "la malattia si era manifestata gi prima della separazione" e la stessa domanda di invalidit era stata proposta prima dell'omologa, per cui, visto che non erano stati rilevati elementi sopravvenuti, era corretta anche la sospensione dell'assegno per la donna, almeno sino alla cessazione dell'attivit lavorativa svolta.

Le tesi della donna di un presunto aggravamento intervenuto successivamente alla separazione, come rilevato dalla stessa Ctu, non reggono in Cassazione e gli Ermellini sposano la tesi del giudice di merito.

Assegno sospeso finch l'ex coniuge pu lavorare

Posto che "per chiedere la revisione delle condizioni della separazione personale occorre la rappresentazione di fatti diversi o nuovi scrivono infatti i giudici - va rilevato che la stessa parte indica passi della Ctu ove si rileva che a seguito del ricovero ospedaliero stata diagnostica alla stessa una 'predominante componente miofasciale', cosa quindi diversa dal rilevare che sia 'insorta' la malattia dopo la separazione".

Inoltre, la donna avrebbe dovuto allegare e far valere nel giudizio di merito l'incidenza della malattia sulla capacit lavorativa, mentre come correttamente rilevato dalla corte d'appello, concludono dal palazzaccio, "la signora continua a svolgere la sua attivit e per il titolo professionale che possiede potrebbe svolgere anche attivit per i privati". Il riicorso pertanto ritenuto inammissibile.

Fonte: https://www.studiocataldi.it/articoli/27826-separazione-assegno-sospeso-per-la-ex-malata-che-puo-lavorare.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna