235421

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Mobbing familiare? Cassazione, è causa di addebito della separazione

Studio Cataldi

La Cassazione conferma l'addebito della separazione al marito i cui atti vessatori avevano costretto la moglie a lasciare la casa coniugale

di Lucia Izzo - Corretto l'addebito della separazione per chi pratica "mobbing familiare" nei confronti del coniuge, con vessazioni tali da costringere il partner ad abbandonare la casa coniugale, comportamento che rileva come conseguenza della condotta colpevole dell'altro.

Tanto si evince da quanto stabilito nell'ordinanza n. 21296/2017 (qui sotto allegata) depositata dalla sesta sezione civile della Corte di Cassazione.

Protagonisti della vicenda sottoposta al giudizio degli Ermellini sono due coniugi, genitori di due ragazze (una minorenne e una maggiorenne), nei confronti dei quali intervenuta separazione personale, con addebito al marito.

L'addebito era stato pronunciato a causa del comportamento persecutorio, rientrante nel c.d. mobbing familiare, posto in essere dall'uomo nei confronti della moglie, tanto da aver reso nel tempo reso intollerabile la convivenza e costretto la donna ad abbandonare la casa familiare.

Atti vessatori che, in sede di merito, i giudici ritengono dimostrati, a differenza delle condotte della moglie che, secondo il marito, sarebbero state contrarie ai doveri nascenti dal matrimonio.

Inutile per l'ex marito contestare in Cassazione la diagnosi "molto superficiale e contraddittoria dei fatti esaminati" compiuta dai giudici merito, ritenendo che l'addebito sia basato su fatti e circostanze successivi alla rottura del rapporto matrimoniale, quindi indipendenti rispetto all'origine della crisi coniugale.

Per la Cassazione, invece, il giudice d'appello ha esaurientemente argomentato in ordine alla condotta colpevole dell'uomo e alla sua efficacia causale nel determinarsi della crisi del rapporto coniugale e anche quanto alla consumazione nel tempo della predetta condotta che aveva costretto la donna ad allontanarsi al domicilio coniugale.

Per i giudici, dunque, tale allontanamento non pu essere contestato alla moglie come contributivo alla crisi coniugale, in quanto questa doveva ritenersi gi in corso, tanto da aver provocato una reazione (l'allontanamento) dovuta alla condotta colpevole del marito che aveva determinato l'intollerabilit della prosecuzione della convivenza.

Appaiono, pertanto, inammissibili le censure dell'uomo che tendono a un riesame e a una rivalutazione dei fatti sottratta al sindacato del giudice di legittimit, apprezzamento istituzionalmente riservato al giudice di merito e non censurato in Cassazione in presenza di una motivazione congrua e logica.

Fonte: http://www.studiocataldi.it/articoli/27488-mobbing-familiare-causa-di-addebito-della-separazione.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna