289758

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Cognome al figlio: quando prevale quello materno

Studio Cataldi

Per il Tribunale di Napoli il cognome bene morale della persona e, dichiarata la paternit dopo il riconoscimento della madre, quello del padre va assegnato solo se si rispetta il diritto a essere se stesso

di Lucia Izzo - Il cognome, come parte del nome, sempre meno strumento di ordine pubblico e sempre pi bene morale della persona, rappresentando elemento costitutivo dell'identit personale e quindi oggetto di un vero e proprio diritto tutelato a livello costituzionale.

Pertanto, il giudice di merito, laddove dichiari la paternit di un minorenne successivamente al riconoscimento da parte della madre, dovr prescindere da qualsiasi meccanismo automatico di attribuzione del cognome e valutare, invece, l'esclusivo interesse del minore alla sua identit personale.

Lo ha stabilito il Tribunale di Napoli, con la sentenza 3583/2017 (qui sotto allegata) pronunciandosi su una vicenda di dichiarazione giudiziale di paternit, richiesta dalla madre nei confronti del presunto padre della figlia minorenne.

I giudici partenopei accolgono la domanda per due ordini di ragioni: in primis, l'esistenza di una relazione sentimentale tra le parti non era stata contestata e, in secondo luogo, l'uomo si era rifiutato di sottoporsi al test del DNA, circostanza che costituisce argomento di prova poich l'esame avrebbe consentito di accertare con ampi margini di sicurezza la filiazione.

I giudici rammentano l'orientamento della Cassazione, secondo cui, in tale materia, il principio della libert di prova, sancito dall'art. 269, comma 2, c.c., non tollera surrettizie limitazioni, n mediante la fissazione di una sorta di gerarchia assiologica tra i mezzi di prova atti a dimostrare la paternit o la maternit naturali, n, conseguentemente, mediante l'imposizione al giudice di una sorta di "ordine cronologico" nella loro ammissione e assunzione a seconda del tipo di prova dedotto. Tutti i mezzi di prova, infatti, hanno pari valore per espressa disposizione di legge.

Quanto al cognome che la minore assumer, il Tribunale condivide il principio interpretativo della Cassazione secondo cui, quando la filiazione naturale nei confronti del padre sia accertata o riconosciuta successivamente al riconoscimento da parte della madre, al fine di decidere se attribuire al figli il cognome del padre aggiungendolo o sostituendolo a quello della madre il giudice deve tutelare ex art. 262 c.c. l'esclusivo interesse del minore.

Bisogna tener conto, prosegue la sentenza, del fatto che in gioco oltre all'appartenenza del minore a una determinata famiglia, il suo diritto all'identit personale maturata nell'ambiente in cui egli vissuto fino a quel momento, ossia il diritto del minore a essere se stesso, del trascorrere del tempo e delle vicende attinenti alla sua condizione personale e prescindendo anche da tutela dell'uguaglianza tra i genitori da qualsiasi meccanismo di automatica attribuzione del cognome.

Pertanto, legittima l'attribuzione al minore del cognome del padre,aggiunto a quello della madre, ancorch il giudice del merito, da un lato, escluda la configurabilit di qualsivoglia pregiudizio derivante da tale modificazione accrescitiva del cognome (stante l'assenza di una cattiva reputazione del padre e anche di fatto di una relazione interpersonale tra padre e figlia) e, dall'altro, consideri che non versando ancora nella fase adolescenziale o preadolescenziale il minore, tuttora bambino, non abbia ancora acquisito, con il matronimico, una definitiva e formata identit nella trama dei suoi rapporti personali e sociali che quindi sconsiglierebbe l'aggiunta del patronimico.

Nel caso in esame, considerata proprio l'et della minore, il Tribunale di Napoli dispone che al cognome materno venga aggiunto quello paterno, posticipandolo.

Fonte: http://www.studiocataldi.it/articoli/27206-cognome-al-figlio-quando-prevale-quello-materno.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna