423827

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro

Studio Cataldi

Per la Cassazione l'attitudine al lavoro va valutata considerando ogni fattore individuale e ambientale

di Valeria Zeppilli Nella valutazione dell'an e del quantum dell'assegno di mantenimento, assume rilievo anche l'attitudine del coniuge richiedente al lavoro. Per la Cassazione, per, la portatadi tale principio va adeguatamente contenuta.

Con la sentenza numero 17971/2017 depositata il 20 luglio (qui sotto allegata) i Giudici hanno infatti precisato che l'attitudine al lavoro del potenziale beneficiario dell'assegno va calata nel concreto e assume rilievo solo quando si sostanzia in un'effettiva impossibilit di svolgimento di un'attivit lavorativa retribuita.

Tale analisi, pi in particolare, va fatta riferendosi a "ogni fattore individuale ed ambientale" senza limitarsi a prendere in considerazione delle "mere valutazioni astratte ed ipotetiche".

Il caso oggetto della sentenza n. 17971 riguardava la separazione di una coppia di coniugi. La Corte d'appello, in parziale riforma della sentenza di primo grado, aveva determinato l'assegno mensile dovuto dal marito in favore della moglie in Euro 650,00, tenendo conto che la donna era disoccupata e che non aveva pi svolto attivit lavorative retribuite di carattere continuativo dal 2014, con la conseguenza che in difetto di una qualunque concreta capacit di guadagno, non rilevava la sua astratta attitudine al lavoro proficuo.

In ragione di quanto visto sopra, tale posizione stata confermata anche dalla Corte di cassazione e le censure del marito sull'an e il quantum dell'assegno di mantenimento riconosciuto alla moglie sono state dichiarate infondate.

Fonte: http://www.studiocataldi.it/articoli/26908-separazione-va-mantenuta-la-ex-disoccupata-anche-se-puo-trovarsi-un-lavoro.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna