237194

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Separazioni: più cautela nel mandare i coniugi a terapia

Studio Cataldi

Per l'ordine degli psicologi della Calabria, gli interventi sia in caso di separazione che di affidamento dei figli devono essere sorretti da un'adeguata motivazione, rischiando, altrimenti, di rivelarsi sterili e di breve durata

di Valeria Zeppilli L'ordine degli psicologi della Calabria, primo in Italia, ha elaborato un documento (qui sotto allegato) che si occupa delle prescrizioni delle psicoterapie nei casi di separazione e affidamento.

Con il documento, che passa per un'attenta disamina attenta dei tempi, degli obiettivi, delle finalit e dell'efficacia della terapia giudiziaria, l'ordine ha preso una posizione netta rispetto agli interventi sanitari coatti sui soggetti adulti, tentando di limitarne la diffusione specificando che essi non possono mai assumere le forme di un invito-imposizione da parte del giudice, ma, semmai, quelle di un Trattamento Sanitario Obbligatorio, con tutte le cautele che lo connotano.

Del resto, in generale "il presupposto indefettibile di ogni trattamento sanitario risiede nella scelta, libera e consapevole salvo i casi di necessit e di incapacit di manifestare il proprio volere della persona che a quel trattamento si sottopone". Ci in quanto ogni persona un soggetto attivo e partecipe di tutti i processi decisionali che lo riguardano e che ineriscono all'attuazione del diritto alla salute.

Peraltro, le dinamiche conflittuali che si generano in una famiglia divisa sono molto complesse e gli interventi psicologici per la loro risoluzione devono essere sorretti da un'adeguata motivazione, rischiando, in caso contrario, di rivelarsi "sterili e di breve durata".

Inoltre, l'intervento psicologico per ordine del Tribunale incontra degli ostacoli, difficili da sormontare, anche nel codice deontologico degli psicologi, in particolare nelle norme che si occupano del rispetto delle opinioni e delle credenze altrui, dell'autonomia professionale, del segreto professionale, della libert di scelta, del consenso informato, dell'interruzione del rapporto terapeutico e dello sviluppo della libert di scelta.

Tutto ci senza dimenticare che, tecnicamente, gli interventi psicologici prescritti dal giudice non possono essere riferiti a una tecnica valutata scientificamente e i loro tempi e la loro frequenza dipendono, in realt, dalle risorse dei servizi effettivamente disponibili e non dalle peculiarit operative che derivano da determinate scuole.

Si ringrazia il Dott. Marco Pingitore per la cortese segnalazione

Fonte: http://www.studiocataldi.it/articoli/26851-separazioni-piu-cautela-nel-mandare-i-coniugi-a-terapia.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna