239381

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Mantenimento: come si prova l`autosufficienza dell`ex

image

di Valeria Zeppilli Alla luce della rivoluzionaria sentenza numero 11504/2017, con la quale la Corte di cassazione ha abolito il parametro del tenore di vita goduto in costanza di matrimonio ai fini della determinazione dell'an dell'assegno di mantenimento lasciando spazio al nuovo requisito della non autosufficienza economica, diviene fondamentale comprendere come possibile dare la prova di tale ultimo aspetto.

Leggi: 

- Assegno divorzio: la Cassazione dice addio al tenore di vita 

Divorzio: la Cassazione dice addio al tenore di vita. Ecco le motivazioni

I quattro indici di prova

La Corte di cassazione in tal senso stata chiara: gli indici di prova utili ai fini di comprendere se da ora in poi l'ex avr diritto o meno all'assegno divorzile sono quattro. Si tratta, pi precisamente, di indici che orientano l'analisi in senso positivo e quindi di quelli da utilizzare per rispondere alla seguente domanda: l'ex autosufficiente?

A tal fine, la prima prova da fornire ha ad oggetto il possesso di redditi di qualsiasi specie.

Occorre poi verificare l'eventuale possesso di cespiti patrimoniali mobiliari e/o immobiliari, considerando per anche gli oneri e il costo della vita nel luogo in cui l'ex che chiede l'assegno risiede.

Il terzo indice di prova riguarda le capacit e le effettive possibilit di lavoro personale dell'ex. Occorre, a tal proposito, tenere conto della salute, dell'et, del sesso. Bisogna poi avere riguardo anche al mercato del lavoro dipendente o autonomo.

Ultimo indice di prova dell'autosufficienza rappresentato dalla stabile disponibilit di una casa di abitazione.

Chiaramente, se in alcuni casi la prova agevole (si pensi all'indice citato per ultimo), in altri casi non lo affatto (si pensi alle capacit e alle effettive possibilit di lavoro).

Per i figli il tenore di vita resta

Va precisato, in ogni caso, che tutto quanto sinora detto vale solo con riferimento all'ex coniuge e non con riferimento ai figli.

La portata rivoluzionaria della recente pronuncia della Corte di cassazione, infatti, riguarda solo l'assegno divorzile e non il mantenimento ai figli, ai quali i genitori, anche dopo il divorzio, dovranno continuare ad assicurare il tenore di vita che garantivano loro quando ancora rappresentavano una coppia.

Del resto, con riferimento ai figli la legge stessa a fare espresso riferimento al tenore di vita goduto in costanza di convivenza dei genitori, affermando che lo stesso va mantenuto quando questi ultimi divorzino, si separino o cessino la loro convivenza.

Ci si riflette, tuttavia, anche sul giudizio circa l'assegno divorzile, nel caso in cui l'ex che lo domanda quello che convive con i figli. In tal caso, infatti, il giudice chiamato a trovare un punto di equilibrio tra le due diverse modalit di determinazione del trattamento economico.

Fonte: http://www.studiocataldi.it/articoli/26116-mantenimento-come-si-prova-l-autosufficienza-dell-ex.asp

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna