275918

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Dichiarazione di adottabilità solo come extrema ratio

 

E’ conforme all’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che assicura il diritto al rispetto della vita privata e familiare, la decisione dei giudici interni i quali piuttosto che dichiarare una minore adottabile la affidano alle cure dello zio, fratello della madre della bimba. E’ la Corte di cassazione, prima sezione civile, a stabilirlo con la sentenza n. 25526/15 depositata il 18 dicembre (25526-15). Nel caso di specie, la Corte di appello non aveva condiviso la scelta del Tribunale per i minorenni di Firenze che aveva dichiarato lo stato di abbandono della minore e la sua adottabilità a causa dell’inidoneità della madre. Per la Corte di appello, infatti, in ragione dei rapporti significativi e di affetto con lo zio materno, la minore andava affidata al parente, che per di più si era trasferito proprio per seguire meglio la bimba. Una scelta, quella dei giudici di secondo grado – scrive la Cassazione – conforme proprio alla pronuncia della Corte europea dei diritti dell’uomo S.H contro Italia del 13 ottobre 2015 che era costata una condanna all’Italia perché le autorità nazionali non avevano cercato di applicare misure in grado di far mantenere il rapporto genitore-figlio. Per Strasburgo, la rottura definitiva e irreversibile del legame familiare quando sono possibili altre misure è incompatibile con l’articolo 8 della Convenzione europea e, di conseguenza, la dichiarazione di adottabilità “deve rimanere l’extrema ratio”.

 

Fonte:http://www.marinacastellaneta.it/

 

Questo articolo è stato pubblicato in Parlamento europeo e contrassegnato come Aiuti dalle istituzioni, Associazione, Corte europea da Redazione . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Fonte: http://www.papaseparatiliguria.it/dichiarazione-di-adottabilita-solo-come-extrema-ratio/

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna