237740

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

C’è qualcosa di nuovo… anzi, d’antico: l’affido condiviso con collocamento alternato

 

Anche a distanza di tempo, continua la vivace reazione degli operatori del settore all’ordinanza del Tribunale di Ravenna, con la quale il giudice, in sede di separazione, “considerata la, allo stato, inesorabile gravissima conflittualità esistente tra i coniugi ritenuti neppure in grado di affrontare un percorso di mediazione familiare”, ….  ….. disponeva l’affido condiviso della figlia minore con collocamento alternato settimanale a rotazione annuale presso i due genitori.A tale soluzione, ritenuta dal Tribunale romagnolo “l’unica soluzione idonea per tutelare al massimo la tranquillità e serenità della minore“, conseguiva altresì l’obbligo per ciascun genitore di provvedere al mantenimento diretto della figlia nei periodi di rispettiva permanenza, ad eccezione delle spese di natura straordinaria, gravanti sui genitori in parti uguali.Per risolvere la vicenda, si ricorda, il giudice disponeva una CTU atta ad accertare la capacità genitoriale dei coniugi e stabilire il miglior regime di affidamento della minore nell’esclusivo interesse della stessa, all’esito della quale emergeva chiaramente la necessità di instaurare un rapporto genitoriale paritetico per ridurre la conflittualità tra i coniugi e salvaguardare l’interesse della figlia.A ben vedere, si tratta della mera applicazione letterale degli artt. 337 ter e quater c.c., secondo cui il figlio minore ha diritto a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori e l’affidamento può essere disposto in via esclusiva unicamente se ciò è conforme all’interesse del minore.L’ordinanza del Tribunale di Ravenna, quindi, è il sorprendente risultato della corretta applicazione del diritto: ricollocando nel giusto rapporto di regola ed eccezione l’affido condiviso e quello esclusivo anche nelle situazioni di grave conflittualità coniugale, si pone in contrasto con la giurisprudenza assolutamente predominante e ribadisce il diritto del minore alla bigenitorialità, che assicura agli stessi genitori pari dignità attribuendo i medesimi diritti e i medesimi doveri ad entrambi.

Fonte:www.StudioCataldi.it

Questo articolo è stato pubblicato in Tribunale Ordinario e contrassegnato come 2015, Figli, Separazione&Divorzio, Tribunale Ordinario da Redazione . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Fonte: http://www.papaseparatiliguria.it/?p=8674

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna