237654

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

N.7053/15 – Niente assegno di mantenimento per la moglie, se il marito non ha di che vivere

 

Con ordinanza n. 7053 depositata l’8 aprile 2015, la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, ha accolto il ricorso di un coniuge, avverso la pronuncia con cui la Corte d’Appello aveva confermato il suo obbligo – disposto dal Tribunale in sede di separazione dalla moglie – di versare in favore di quest’ultima un assegno di mantenimento.Lamentava in proposito il marito ricorrente, come la Corte territoriale non avesse tenuto conto che, sebbene egli a differenza della moglie, percepisse uno stipendio fisso mensile, lo stesso era tuttavia gravato da molteplici esborsi, tra cui, l’assegno di mantenimento versato per i figli, il mutuo della casa coniugale (che si era totalmente accollato) ed altre rate fisse.

Detratte tali spese, rimaneva al marito una cifra assai esigua ed assolutamente insufficiente per far fronte ai suoi bisogni quotidiani.

La Cassazione, ritenendo fondata detta doglianza e cassando il provvedimento impugnato con rinvio – ha rilevato come in effetti la Corte d’Appello, nel porre a confronto le posizioni reddituali dei due coniugi, avesse totalmente omesso di valutare l’incidenza degli indicati esborsi (sicuramente non esigui rispetto al reddito percepito) sulla complessiva situazione economica del marito.

Solo ad esito di una valutazione più obiettiva – ha dunque concluso la Corte Suprema – sarà possibile stabilire se la moglie abbia diritto o meno all’assegno di mantenimento.

Fonte:http://www.telediritto.it/

Questo articolo è stato pubblicato in Mantenimento e contrassegnato come 2015, Corte di Cassazione, Mantenimento, Separazione&Divorzio da Redazione . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Fonte: http://www.papaseparatiliguria.it/?p=8580

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna