287729

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

N.19386/15 – SE LA MADRE SI DISINTERESSA DELLA FIGLIA IL GIUDICE PUÒ DISPORRE L’AFFIDAMENTO ESCLUSIVO AL PADRE

E’ vero, “l’affidamento esclusivo, ai sensi dell’art. 155-bis c.c., è una soluzione eccezionale”, ma tale scelta è consentita “nel caso in cui  il comportamento di un genitore si ponga in contrasto con l’interesse del  minore”.

Lo ha ribadito  la sesta sezione civile della Corte di  Cassazione, nell’ordinanza n. 19386  del 15 settembre scorso, in una vicenda riguardantel’affidamento di una  minore in via esclusiva al padre.

Il Tribunale  per i Minorenni di Bologna, nel procedimento ex art. 317 bis c.c., disponeva,  infatti, l’affido esclusivo della figlia minorenne al padre, con facoltà per la  madre di visita secondo i tempi e le modalità concordate con lo stesso.

In  appello, la Corte di Bologna confermava la statuizione del giudice di primo  grado.

La madre si  rivolgeva, quindi, alla Cassazione lamentando l’eccezionalità dell’affido  esclusivo che deve ritenersi consentita solo nei casi in cui l’affidamento condiviso sia in  contrasto con l’interesse del figlio e chiedendone la revoca.

Ma, secondo la Suprema  Corte, il giudice di merito, nel caso di specie, ha fatto corretta applicazione dei principi in  materia.

È proprio  considerata la ratio della norma, ha  affermato invero la S.C. rigettando il ricorso, che va confermato l’affidamento in via esclusiva della figlia al padre,  giacchè il comportamento della madre,  che si è gravemente disinteressata della figlia, delegandone totalmente l’accudimento  al coniuge, trasferendosi altrove, denota  un’incostanza e una trascuratezza nell’adempimento dei doveri genitoriali, tale  da ritenere “l’attuale regime di affidamento e di collocamento presso il padre”, il più adeguato  alle esigenze della minore e l’unico “in  grado di assicurare ad essa la certezza e la stabilità che non ha avuto con la  madre”.

Avv. Carlo Ioppoli

Fonte: http://www.papaseparatiliguria.it/?p=8571

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna