252367

 

Commenti recenti

  • gianfranco 27.03.2015 22:02
    salve mi chiamo gianfranco sono legalmente separato da 4 anni con una figlia di 18 ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:51
    per chi non l,avesse fatto leggete anche i libri(almeni uno) di claudio Risè e ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:49
    è tuuto vero ,la situazione dopo la legge sull'affido condiviso è solo leggermente ...

    Leggi tutto...

     
  • bruno 04.11.2014 20:42
    bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella ...

    Leggi tutto...

     
  • MASCHIO SELVATICO 07.10.2013 13:33
    CONDIVIDO L'ARTICOLO PURTROPPO SIA LA MAGISTRATURA CHE I GIORNALISTI DIFENDONO ...

    Leggi tutto...

     
  • lupoblu 26.09.2013 16:09
    e' tutto vero

    Leggi tutto...

     
  • Uomo pensante 26.08.2013 11:29
    E in atto nel mondo occidentale una guerra tra generi. Alcuni movimenti (femministe ...

    Leggi tutto...

Archivio Notizie



Avviso

Interrogazione del M5S sui giudici poco onorari

 

image Un conflitto di interessi diffuso a macchia d’olio, che rischia di finire sulla pelle dei più deboli: i minori. Negli ultimi anni, esponenti della società civile e associazioni, hanno fatto emergere un fenomeno che ha dell’inquietante e che riguarda direttamente i processi di affido di bambini e ragazzi sotto i 18 anni che sono stati segnalati dai servizi sociali.A stabilire se il loro futuro sarà quello di lasciare la famiglia d’origine o meno, quattro giudici, di cui due togati e due onorari. Questi ultimi, per legge devono essere un uomo e una donna «benemeriti dell’assistenza sociale, scelti tra i cultori di biologia, di psichiatria, di antropologia criminale, di pedagogia, di psicologia».

Non di rado, si tratta di persone legate, in qualità di consulenza se non di responsabili, alle case famiglia che finiscono per accogliere i minori in affido.

Un incarico a cui devono denunciare, in ogni caso, nel momento in cui vengono nominati giudici.

Tuttavia, non sempre, anzi spesso rischia di essere così. A documentarlo è stata una commissione di inchiesta messa in piedi da Federcontribuenti, che ha rilevato ben 100 casi di conflitti di interesse tra giudice onorari e associazioni per minori nelle 29 sedi dei tribunali minorili in Italia. Il documento preparato dall’assocazione, è servito come spunto per un servizio della trasmissione televisiva «Le Iene», che ha dimostrato l’esistenza di due casi di giudici coinvolti nella gestione di case famiglia a Trento.

Come se non bastasse, i numeri parlano di un aumento significativo degli affidi: nel 2010 i minorenni sottratti alle famiglie sono stati 39.698, il 24 per cento in più rispetto a 10 anni prima. Alle case famiglia, spesso gestite da privati e organizzate in cooperativa, per ogni minore ospitato va una rette minima giornaliera pari a 200 euro, con punte di 400 euro.

Senza voler colpevolizzare nessuno, ce n’è abbastanza per porsi qualche domanda. Ecco perché abbiamo presentato un’interrogazione al ministro della Giustizia per fare luce sulla questione. Abbiamo chiesto anche quanti minorenni sono stati dati in affido e se sia necessario prendere in considerazione nuove iniziative normative per combattere con efficacia questo fenomeno. Fermo restando che la legge, già ora, parla chiaro: basta applicarla.

Leggi l’interrogazione

Fonte:http://www.beppegrillo.it/

Fonte: http://www.papaseparatiliguria.it/?p=8137

Commenti  

0 #1 bruno 2014-11-04 20:42
bene tutte le iniziative che portano a rendere il problema dei minori nella separazioni sono benvenute ,grazie
Citazione | Segnala all'amministratore

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna